Sunday 26 May 2024

You are here Compagnie Padova TrentAmicidellArte APS di Villatora di Saonara

TrentAmicidellArte APS di Villatora di Saonara

Anno di fondazione: 1981
Presidente: Gianni Rossi
Indirizzo: Via Zago, 38 - 35020 Villatora di Saonara (PD)
Telefono: 329 2299637
Facebook: TrentamicidellarteAps
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito web: www.trentamicidellarte.it
Referenti: Gianni Rossi - 329 2299637

Spettacoli disponibili


UNA VOLTA NELLA VITA
di Gianni Clementi

Regia di Giannirossi

Tipo di teatro: brillante, italiano, dialetti vari

FOTOFOTO
Atto unico ambientato in un obitorio, dove quattro sventurati protagonisti "morti" si risvegliano, senza capire perché sono finiti in quella situazione: si intrecciano le loro storie alternando momenti comici e pause di umana commozione.
Il cast lo definisce: escatologico, bizzarro, grottesco, surreale, mistico, inatteso, enigmatico, stravagante, avvincente, trascendentale, curioso, spiritualista, sorprendente.

DI MALE IN MEGLIO
di Giuseppe Aronne

Regia di Giannirossi

Tipo di teatro: brillante, dialetto veneto

FOTOFOTO
Divertente dramma domestico, spassoso, vivace e coinvolgente. Il pubblico è portato a seguire con simpatia ed apprensione l'amore contrastato tra la giovane Giorgia, figlia dei benestanti Flavio, Lucrezia e Luca, figlio dei loro fattori. Una concatenazione di equivoci si accavallerà complicando le relazioni tra gli stralunati protagonisti, molti con personalità sopra le righe, fino a festeggiare l'immancabile lieto fine.

IL FIGLIO DEL TEMPORALE
Elab. di Gianni Rossi

Regia di Giannirossi

Tipo di teatro: brillante, in italiano

FOTOFOTO
La vicenda ruota intorno ad un giovane benestante, orfano di entrambi i genitori, che trova in pochi giorni due padri, una madre, una sorella e un cugino. Tutto ha inizio in una notte del 1893 quando in un albergo una signorina impaurita da un fortissimo temporale esce dalla propria stanza per cercare aiuto nella camera del fratello. Ma sbaglia porta e...

NEMICI COME PRIMA
di Gianni Clementi

Regia di Giannirossi

Tipo di teatro: brillante, dialetto

FOTOFOTO     FOTOFOTO
Non è una commedia come le altre, tipo "commedia degli equivoci", ma piuttosto del genere "parenti-serpenti". Rappresenta uno spaccato di vita reale, in un'ambientazione molto realistica, con personaggi che si esprimono nel loro linguaggio "crudo"... È l'apoteosi dei peggiori stereotipi negativi della vita moderna. Fa ridere, molto, ma alla fine anche riflettere... La scena si svolge nella sala d'attesa del reparto di terapia intensiva di un ospedale dove viene ricoverato, in condizioni gravi, il ricco proprietario di una catena di macellerie. Al suo capezzale accorrono la figlia con il marito, galoppino a vita del tirannico suocero. Mentre la coppia tenta di accedere al reparto per visitare l'anziano, giunge anche l'altra figlia, anima libera in giro per il mondo alla ricerca di se stessa. Nell'attesa che si evolva la situazione del congiunto, nel confuso scambio di notizie ricevute da un infermiere distaccato e invadente, emergono le loro diverse personalità, lo spasmodico desiderio di ereditare, che cancella ogni pudore, falso rigore esistenziale, finto attaccamento maritale. In un concitato scambio di battute, spunta in ospedale la giovane badante rumena del vecchio, abituata a combattere con le sue armi una sorta di lotta per la sopravvivenza. I quattro discutono incivilmente e fraternamente sulla scia di buoni propositi e piccole miserie: stereotipi di egoismo e meschinità dell'animo umano. Si ride dall'inizio all'imprevedibile finale. Ma è un riso amaro, scoppiettante e involontariamente comico.

IL CAMPIELLO
di Carlo Goldoni

Regia di Giannirossi

Tipo di teatro: dialetto

FOTOFOTO     FOTOFOTO     FOTOFOTO
Vivacissima interpretazione in rima nel dialetto veneziano originale del settecento. Un campiello è il protagonista assoluto di questo fortunatissimo capolavoro. La sua atmosfera, i suoi colori, gli strepitii, le ciacole e le baruffe della gente povera creano un'aria magica dalla quale i personaggi traggono luce e vita, con smisurata allegria.