Sunday 26 Jun 2022

You are here Archivio notizie Padova Concorso "Carlo Goldoni & Dintorni". i vincitori del 3° Concorso del Teatro Veneto di Bagnoli di Sopra (PD)

Concorso "Carlo Goldoni & Dintorni". i vincitori del 3° Concorso del Teatro Veneto di Bagnoli di Sopra (PD)

Nella importante cornice di Palazzetto Widmann a Bagnoli di Sopra (PD) si è svolta venerdì sera 25 novembre 2011, la cerimonia di premiazione della terza edizione del concorso biennale "Carlo Goldoni & Dintorni", dedicato al teatro veneto amatoriale
, organizzato dalla Compagnia Sottosopra in collaborazione con la Provincia di Padova, l'Assessorato alla Cultura del Comune di Bagnoli di Sopra e il patrocinio della F.I.T.A. Veneto.
Sono risultati vincitori:
• Premio miglior spettacolo: "Sior Tita Paron" di G. Rocca, Compagnia Teatro Veneto Città di Este; 
• Premio miglior attrice: Marina Bertoncin nel personaggio di Carlotta in "Sior Tita Paron" Compagnia Teatro Veneto Città di Este; 
• Premio miglior attore: Luigi Mardegan in "Diése Franchi de aqua de spàsemo" di R. Cuppone, Compagnia Il Satiro Teatro di Paese (Treviso);
• Premio miglior regia: Roberto Cuppone in "Diése Franchi de aqua de spàsemo" per Il Satiro Teatro;
• Premio miglior allestimento: "Sior Todero Brontolon" di C. Goldoni, Compagnia TrevisoTeatro.
• Premio "Applauso della Platea" a "Sior Tita Paron" della compagnia Teatro Veneto Città di Este.
A ciascuna Compagnia sono stati consegnati una targa e un contributo in denaro per l'attività teatrale. Alla prima classificata è andato anche il "Premio Città di Bagnoli di Sopra - Concorso Goldoni & Dintorni" di 1.000 euro. I premi sono stati consegnati da Maria Teresa Bortolato Finco, assessore comunale alla Cultura; Virgilio Mattiello, presidente F.I.T.A. Padova e Marco Casonato, presidente della Compagnia Sottosopra. Nel corso della serata il regista Tony Andreetta ha illustrato il soggiorno di Carlo Goldoni a Bagnoli, ospite della famiglia Widmann, ricostruito grazie a una tesi di laurea sull'argomento, mentre l'attore Simone Toffanin, con l'accompagnamento al pianoforte di Giulio Andreetta, ha letto alcuni scritti goldoniani.