Wednesday 30 Nov 2022

You are here Compagnie Vicenza La Zonta APS di Thiene

La Zonta APS di Thiene

Anno di fondazione: 1989
Presidente: Giampiero Pozza
Indirizzo: Via San Rocco, 7 - 36016 Thiene (VI)
Telefono: 328 2853301
Facebook: LaZontaAPS
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito web: www.lazonta.it
Referenti: -

Spettacoli disponibili


MEDUSA
di Giampiero Pozza

Regia di Giampiero Pozza

Tipo di teatro: commedia, thriller, drammatico, fantastico

FotoFoto
Il fortuito ritrovamento di un cofanetto veneziano risalente al 1600 mette in contrasto le famiglie Von Greif e Gustavsson che ne rivendicano entrambe la proprietà. A complicare le cose il fatto che il suo contenuto sia del tutto ignoto, in quanto "Lo Scrigno della Luna" non presenta apparentemente alcuna serratura o meccanismo che permetta di aprirlo senza danneggiarlo.
Dell'oggetto si interessa sorprendentemente anche Angela Garret, famosissima e idolatrata attrice che sembra essere pronta a tutto, anche alle mosse più spregiudicate ed arcane, per entrarne in possesso.
Non si può rivelare di più di questo spettacolo coinvolgente che inizia come una commedia e si trasforma via via in un thriller visionario. Ma "Medusa" è soprattutto il travagliato, unico, sorprendente percorso di rinascita di una donna che ci invita a compiere con lei, attraverso di lei, un toccante viaggio nelle profondità della mente e del cuore.

THE DARK SIDE OF THE MOON
WISH YOU WERE HERE
IL LATO OSCURO RIVELATO
di Pink Floyd

Regia di Giampiero Pozza

Tipo di teatro: musicale

FotoFoto
Musicisti e attori per l'accurata riproposizione integrale dal vivo di due capisaldi della storia del rock, record di vendite all'epoca (1973 e 1975) e ancor oggi tra i vinili più richiesti mentre si piazzano stabilmente nelle classifiche delle piattaforme di streaming. Album amatissimi, conosciutissimi nelle musiche ma, almeno per noi italiani, non altrettanto nei testi. Liriche connesse tra loro a formare veri e propri "concept album" sul tema della condizione umana, senza trascurarne le zone d'ombra, "la faccia oscura della Luna" appunto. Nel nostro spettacolo/concerto 3 attori reciteranno e metteranno in scena quindi le traduzioni di questi splendidi testi che, con grande forza evocativa, riflettono sulla natura del tempo, del denaro, dei conflitti, della follia, del senso di vuoto che si prova nell'età adulta e della necessità della condivisione. Interventi recitati accuratamente posizionati all'interno del flusso musicale in modo da non risultare invasivi e lasciare intatto il piacere dell'ascolto.

LECTURA DANTIS: INFERNO
da "La Divina Commedia" di Dante Alighieri

Regia di Giampiero Pozza

Tipo di teatro: letture con musica dal vivo

LocandinaLocandina
Una proposta teatrale che si pone come obiettivo di far apprezzare la scrittura dantesca anche ad un pubblico non accademico, utilizzando i linguaggi della recitazione e della musica. Lo spettacolo presenta infatti una selezione dei più celebri canti dell'Inferno dantesco, interpretati dagli attori della nostra compagnia. Sarà possibile così rivivere, attraverso l'introduzione e la lettura recitata dei versi, l'incontro di Dante con le celebri figure di Virgilio, Caronte, Paolo e Francesca, Ulisse, il Conte Ugolino e Lucifero. Ad accompagnare la recitazione, i contributi musicali del chitarrista Alberto La Rocca, insegnante al Conservatorio Buzzolla di Adria (RO), e del polistrumentista Giuseppe Dal Bianco, docente di flauto traverso e concertista, con armonie e sonorizzazioni pensate appositamente per questo spettacolo.

IL PADRE
di August Strindberg

Regia di Antonio Mosele

Tipo di teatro: classico, drammatico

FotoFoto
Premio Fitalia 2022, sez. tragedia - Grande classico di fine '900, "Il Padre" è la cronaca impietosa di uno spodestamento, di una detronizzazione psichica. Padre e Madre si contendono la potestà educativa sulla figlia adolescente. Per avere la meglio, la moglie Laura ordisce una congiura ai danni del marito, instillandogli il dubbio circa la propria paternità ed innescando così una spirale di distruzione, espressa dal repentino cadere della situazione in una dimensione infantile, in una prostrazione profonda, senza difesa. Nella messa in scena si è voluto sottolineare il voler prevalere e manipolare ad ogni costo l'animo di un'altra persona fino ad utilizzare la ferocia per l'annichilimento dell'altro.