Wednesday 05 Aug 2020

You are here Fita Veneto Dal Gran Premio FITA a YouTube nove finalisti: c'è anche La Moscheta

Dal Gran Premio FITA a YouTube nove finalisti: c'è anche La Moscheta

La compagnia veneta La Moscheta di Colognola ai Colli (Verona) con Ben Hur di Gianni Clementi è tra i nove spettacoli che approdano nel canale YouTube della Federazione Italiana Teatro Amatori (FITA) dal Gran Premio del Teatro Amatoriale, kermesse nazionale la cui quinta edizione era stata sospesa per pandemia nel marzo scorso, quando sul palcoscenico del Grandinetti di Lamezia Terme, scenario di questa stagione live, erano già stati applauditi dodici dei quattordici allestimenti giunti in finale.

Il "premio dei premi" FITA, che vede sfidarsi i vincitori di tutti i concorsi regionali ad esso abbinati, ha infatti deciso di non demordere e - in attesa della riprogrammazione - invita il pubblico a gustarsi una sorta di rassegna nella rassegna attraverso il proprio canale YouTube, dove da venerdì 26 giugno saranno a disposizione nove dei titoli in finale: un gradevole assaggio del Gran Premio e, più in generale, del grande e variegato mondo del teatro amatoriale italiano, del quale FITA è organizzazione leader in Italia con circa 1500 compagnie aderenti e 25 mila tesserati. Da martedì 30 giugno e fino al 28 luglio, inoltre, ogni martedì e giovedì a ciascuno spettacolo sarà dedicato un apposito lancio sulla pagina Facebook di FITA nazionale, con approfondimenti e contributi video girati anche in occasione delle esibizioni al Grandinetti, dove il concorso era inserito nella stagione teatrale Vacantiandu, con il patrocinio della Regione Calabria e l'assistenza organizzativa di FITA Calabria e della compagnia lametina I Vacantusi.

Oltre allo spettacolo de La Moscheta saranno disponibili online: Filumena Marturano di Eduardo De Filippo, Compagnia Artigianale del Teatro Sassese Enza Corleto (Basilicata); La cameriera brillante di Carlo Goldoni, compagnia I Vacantusi (Calabria); Filumena Marturano di Eduardo De Filippo, compagnia Archivio Futuro (Campania); Il nome da Matthieu Delaporte e Alexandre de la Patellière, compagnia Piccolo Teatro di Terracina (Lazio); Vero West di Sam Shepard, compagnia La Quinta Praticabile (Liguria); Due donne di provincia di Dacia Maraini, compagnia PrimaDonne (Lombardia); I ragazzi irresistibili di Neil Simon, compagnia C'era l'acca (Piemonte); Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello, compagnia Piccolo Borgo Antico (Sicilia).
Quella che stava andando in scena a Lamezia Terme era la seconda edizione "live" del Gran Pre-mio, nato nel 2015: la prima si era svolta nella primavera del 2019, ospitata fra i teatri di Torre Annunziata, Ercolano e Pompei, con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli. In quell'occasione il Veneto era stato rappresentato dal Teatro del Corvo di Padova, giunto in finale con Tre sull'altalena di Luigi Lunari.