Sunday 26 Jun 2022

You are here Archivio notizie Vicenza Teatro Popolare Veneto resiste: da F.I.T.A. Vicenza e Comuni venticinque spettacoli in cartellone

Teatro Popolare Veneto resiste: da F.I.T.A. Vicenza e Comuni venticinque spettacoli in cartellone

Vince di diverse lunghezze, com'è prevedibile per una rassegna popolare ed estiva, il repertorio brillante, sia classico che dialettale; ma non mancano nemmeno incursioni nel cabaret e nell'intrattenimento musicale, e qualche spazio riservato alla letteratura e alla riflessione. Si presenta così, certamente ridimensionata nelle quantità ma attenta come sempre alla qualità e al gradimento da parte del pubblico, "Teatro Popolare Veneto", storica rassegna che, nonostante le difficoltà finanziarie del momento, la sezione vicentina della F.i.t.a. - Federazione Italiana Teatro Amatori ha deciso di portare avanti anche quest'anno, d'intesa con un gruppo di Amministrazioni Comunali aderenti e con il patrocinio della Provincia di Vicenza, per anni motore della manifestazione, e di Reteventi Cultura Veneto.

Gli appuntamenti dell'estate
Dopo un primo spettacolo de Lo Scrigno già proposto a Creazzo il 24 giugno scorso, il calendario proseguirà fino al 6 gennaio 2017 con altre ventiquattro date. Filo conduttore, come sempre, un "teatro popolare" che sia "veneto", vuoi per sua intrinseca natura (lingua, autore, ambientazione), vuoi perché allestito da compagnie amatoriali del territorio.
Sei gli appuntamenti di luglio. Giovedì 14 La Trappola sarà a Trissino con lo scintillante "Ed è sempre varietà", di scena anche venerdì 29 a Quinto. Sabato 16 il gruppo musicale dei Lunaspina porterà a Pianezze - insieme all'attrice e autrice Martina Sperotto - l'omaggio a Mario Rigoni Stern "Pane e castagne". Tanta comicità e qualche pizzico di nostalgia venerdì 22 ad Agugliaro con le Scoasse Cabaret in "Quando le vacche erano veramente magre", spettacolo costruito sui racconti autobiografici di Silvano Bortoli e ambientati nella prima metà del Novecento in una piccola contrada vicentina. Comicità "classica", invece, sabato 23 con La Ringhiera, di scena a Grisignano nella farsa di Molière "Il medico per forza". Comicità veneta, infine, a chiudere la programmazione di luglio, sabato 30 a Grancona con Teatroinsieme nella commedia "Achille Ciabotto medico condotto".
Due gli appuntamenti di agosto: sabato 6 a Sarego con il duo comico Gli Instabili nel loro "TeNpi moderni", e domenica 28 ad Alonte con La Colombara in "Casa dolce casa" di Loredana Cont.

E dopo l'estate...
La rassegna riprenderà a ottobre, con i Risi e Sorrisi l'8 a Carrè ne "El Dotore dei Mati", da Eduardo Scarpetta; sempre a Carrè, il 15, La Giostra in "Alla fine arriva sempre l'estate": entrambi gli spettacoli rientreranno in una rassegna dedicata al tema della malattia mentale. Ancora il 15 ottobre, a Zugliano, gli Insieme per far filò di scena con "L'hotel del libero scambio" da Georges Feydeau, e, a seguire, Il Siparietto il 28 a Torrebelvicino con "Martina te si la me rovina" di Bruno Capovilla e La compagnia delle Donne in "La sagra de sant'Anna" di Sara Vettorello, il 29 a Monte di Malo, mentre a Camisano fra ottobre e novembre, in data da destinarsi, toccherà ad "Ah, la gelosia!" di Antonio Stefani (da Bisson e Scarpetta), commedia messa in scena dalla Compagnia Astichello.
Ricco il cartellone di novembre. Il 5 a Isola di scena La Colombara con "Casa dolce casa". Il 6 a Noventa gli Amici del Teatro "Dino Marchesin" in "Sarto per signora" di Feydeau, loro nuova produzione. Tre gli appuntamenti del 12: a Montebello il Teatrino delle Pulci in "Vicini di casa" di David Conati, ad Altavilla ancora gli Amici del Teatro con Feydeau e a Grumolo gli Insieme per far filò in "Siori e poareti", versione vicentina della celebre commedia di Eduardo Scarpetta "Miseria e nobiltà", adattata da Francesco Baruffato. Tripletta anche il 19, con il Teatrino delle Pulci a Chiuppano in "Tempo de fame" di Andrea Mason, Lo Scrigno a Costabissara ne "Il clan delle vedove", riallestimento della commedia di Ginette Beauvais Garcin, e Lunaspina e Sperotto a Schio con il loro omaggio a Rigoni Stern. Sempre a novembre, in data in via di definizione, appuntamento a Dueville con La Torre in "Aristide e Tobia, uno gobo e st'altro spia" di Bruno Capovilla.
Chiusura di cartellone, come tradizione, il 6 gennaio, festa dell'Epifania: a salire sul palco sarà, a Torri di Quartesolo, la compagnia di giovanissimi La Favola nella nuova produzione "Sogno di una notte di mezza estate" da Shakespeare.

Informazioni
Calendario aggiornato su www.fitaveneto.org. Informazioni attraverso i singoli Comuni ospitanti, oppure nella sede provinciale F.i.t.a., in stradella delle Barche 7 a Vicenza, tel. 0444 323837 (dal lunedì al venerdì, al mattino).

Il programma completo